News

ECCELLENZA ITALIANA

Ad aggiudicarsi il premio come  Miglior Ristorante del Mondo  è proprio uno chef italiano di nome Massimo Bottura e che, con la sua Osteria Francescana di Modena,  si è aggiudicato il premio più ambito in assoluto nel campo della ristorazione mondiale.

La premiazione è avvenuta nella città di New York il 14 Giugno scorso, e 4 in tutto furono gli italiani presenti nella lista dei  “World’s 50 best restaurants 2016”.

Il merito di questa medaglia, dice Chef massimo, non è dovuta soltanto dalla bontà dei suoi piatti, ma anche e soprattutto dall’innovazione, la sostenibilità e dalla ricerca e coltivazione della materia prima, ovvero degli ingredienti base, di primissima qualità e che solo l’agricoltura italiana può offrire in modo così eccelente.

Non necessariamente Nouvelle Cusine, i piatti che si degustano all’Osteria Francescana abbracciano orgogliosamente le tradizioni romagnole proponendo anche piatti semplici ed estremamente gustosi come il Bollito e i Tortellini in brodo.

Le esperienze sensoriali del ristorante di Bottura non si limitano solo al palato, ma coinvolgono pure l’olfatto e la vista grazie all’atmosfera piacevole e all’ambiente minimal e umile composto solamente da 12 coperti.

L’utilizzo del termine “francescano” nel nome di questo ristorante invece, è dovuto dalla volontà stessa di Bottura di creare un locale che sia distintivo ma che allo stesso tempo sostenibile e che dia diritto a tutti, nessun escluso, alla buona cucina. In occasione dell’ Expo Bottura è stato promotore della Caritas Ambrosiana offrendo a tutti i bisognosi un pasto completo con prodotti sani e ad alto contenuto nutritivo; un’ occasione che verrà riproposta anche per le olimpiadi di Rio 2016.

Quello di Bottura è un nuovo modo originale per esprimere l’amore per l’arte, per la cultura e per il popolo di tutto il mondo.

Senz’altro questo premio  è stato un trionfo meraviglioso non solo per lo chef il quale era già molto conosciuto, ma anche per il popolo italiano che, per la prima volta quest’anno ha reso giustizia a tutti quei prodotti che con amore e dedizione vengono coltivati, fatti maturare e raccolti nella bella Italia.